Semplicemente tu: i trucchi per essere te stesso

Quante volte hai corretto le occhiaie in quella foto, hai nascosto qualche tua debolezza o fatto qualcosa che non ti andava solo per piacere agli altri? Beh, sei in buona compagnia! Ogni giorno i media ci bombardano di stimoli su come dovremmo essere, dall’abbigliamento alle nostre relazioni romantiche. È naturale che cerchiamo di mostrare agli altri quello che crediamo si aspettino da noi, tentando di essere amati e di sentirci parte di un gruppo, nella convinzione che nessuno ci apprezzerebbe per come veramente siamo. Ma perché non provare ad essere semplicemente sé stessi, vivendo più sereni e liberi dai condizionamenti? Leggi la lista per scoprire come!

i

  • Conosci te stesso: inutile dirlo, per poter essere sé stessi è indispensabile sapere chi sei. Prova a pensare a quali sono i tuoi gusti, a come ti presenteresti agli altri, a quello che sei ora e ai tuoi obiettivi per il futuro: ti aiuterà a costruire una base da cui partire. Apriti anche alla possibilità di cambiamento e non cadere nella trappola di pensare che ogni persona rimanga sempre uguale: la vita umana è dinamica, sorprendente e sempre diversa, per cui non per forza devi mantenere idee, valori e consuetudini in cui non ti riconosci più.

  • Accetta te stesso: altrettanto importante, dopo aver preso coscienza di chi sei, è accogliere e amare te stesso. Questo è forse lo step più difficile da mettere in atto, perché a volte è proprio dura convivere con quelle parti di te più scomode o negative: per questo, uno psicologo può esserti d’aiuto. Ricorda poi che la perfezione non esiste e che molte delle immagini che trovi in Internet di persone attraenti e impeccabili sono in realtà ritoccate.

  • Identifica il dialogo interno negativo: a volte capita di pensare cose del tipo “Sono brutto”, “Faccio schifo”, “Non ce la faccio”, “Nessuno mi vorrà mai bene”. Queste frasi che ripetiamo nella nostra mente sono definite in psicologia “dialogo interno” e hanno un enorme potere sul nostro comportamento e sulle nostre emozioni. Se ti succede di avere queste idee negative, prova a fermarti un attimo e a riconoscerle per quello che sono, ossia dei semplici pensieri, che non per forza ti descrivono e che non corrispondono alla realtà.

  • Valorizza le tue qualità: sì, probabilmente sono tante le cose in cui non sei bravo. Vale così per tutti e non c’è da preoccuparsi. Ma perché concentrarsi sempre sulle mancanze piuttosto che sui punti di forza? Inizia a puntare la tua attenzione su ciò che sai fare bene e sulle tue qualità, anche se ti sembrano piccole e trascurabili.

  • Perdonati: non continuare a rimuginare su ciò che eri in passato. Sbagliare è umano e non sono i nostri errori che definiscono chi siamo, ma il modo in cui reagiamo e ci rialziamo dopo le cadute. Perciò, accetta quello che sei stato e non tormentarti per le scelte che adesso non faresti più, ma piuttosto rifletti su cosa ti ha portato a farle e su cosa puoi imparare da quell’esperienza.

  • Non fare confronti con gli altri: è spontaneo valutarsi in rapporto ai nostri pari. Tuttavia, soprattutto sui social media, è facile imbattersi in tante persone che ci sembrano migliori di noi, più attraenti, più in forma, più ricche, più felici. Concentrarsi sulle differenze con loro può intaccare la tua autostima e distoglierti da quello che di bello invece hai tu. Inoltre, considera che la vita è come un quadro: la sua bellezza deriva dall’immagine nel suo insieme, non da un singolo particolare. Perciò, non preoccuparti se noti negli altri alcune caratteristiche più apprezzabili delle tue: magari quella persona ha molti soldi ma non buoni amici o quel ragazzo ha talento nello sport ma è sfortunato in amore.

  • Non badare troppo al giudizio degli altri: misurare ciò che si fa e si dice in rapporto alla persona che si ha davanti è utile per districarsi nei vari contesti sociali, ma non deve essere un limite o un peso eccessivo. È normale che a volte le persone possano criticarci o avere delle opinioni negative su di noi, perché esistono tanti modi di essere e di pensare: accogli il loro punto di vista, ma ricorda che la vita è tua e di nessun’altro e che sei libero di fare le tue scelte, indipendentemente dai pareri esterni.

i

Prova a mettere in pratica questi consigli con gradualità e costanza: all’inizio non sarà facile, ma pian piano acquisterai maggior serenità e fiducia in te stesso. Ricorda poi che non sei obbligato a fare questo da solo e che puoi sempre contare sull’aiuto di uno psicologo: in fondo, ammettere di aver bisogno di aiuto è già un inizio per essere sé stessi!

n

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *