Consigli per gestire una gravidanza indesiderata

Una gravidanza non programmata può essere uno shock sia per l’uomo che per la donna, soprattutto se non c’è una relazione stabile fra i due. È normale, in questi momenti, provare un mix di emozioni particolarmente disturbanti e difficili da affrontare. In particolare, ci si può sentire:

– confusi e incerti su come comportarsi;
– disperati e preoccupati per il proprio futuro;
– colpevoli e critici verso sé stessi per la mancanza di precauzioni;
– incapaci di controllare e gestire la propria vita;
– imbarazzati nel comunicare la notizia agli altri e spaventati delle loro reazioni;
– soli.

 

Consigli per gestire una gravidanza indesiderata

 

In un momento così delicato e stressante, il mio consiglio principale è quello di non prendere scelte affrettate, perché da esse dipenderà poi il tuo futuro. La cosa migliore è darsi del tempo per metabolizzare la cosa, accettando le emozioni che si provano come una reazione normale e comprensibile a ciò che è successo.

 

Se ce n’è la possibilità, è bene confrontarsi con il compagno/a e cercare di supportarsi a vicenda, parlando apertamente delle proprie paure ed ansie. Suggerisco di vagliare insieme tutte le opzioni disponibili- genitorialità, aborto, adozione- cercando di reperire il maggior numero di informazioni possibili in merito. Anche se la decisione finale è pur sempre della donna, perché si parla del suo corpo, cercare di giungere insieme ad una soluzione, con il rispetto per il pensiero altrui, può aiutare entrambi. Se sei un uomo e la ragazza ha una prospettiva diversa dalla tua, non arrivare subito allo scontro e prova a metterti nei suoi panni per capire il suo punto di vista; ricorda che la responsabilità è anche tua e che è tuo dovere darle il tuo supporto. Se sei una donna, parlane anche con il tuo medico e il tuo ginecologo per capire come prenderti cura di te stessa e del tuo bambino nel miglior modo possibile.

Altrettanto importante è poi confidarsi con gli amici e ricercare supporto dalle persone care, non vergognandosi di chiedere aiuto. Esistono anche delle associazioni, come per esempio i Centri di Aiuto alla Vita, che offrono sostegno materiale e morale alle gestanti.

Infine, uno psicologo può essere davvero prezioso in questo momento. Non potrà darti consigli sulla scelta da prendere, che è compito tuo. Tuttavia, può contribuire a gestire lo stress e le emozioni difficili legate allo shock, aiutandoti a comunicare con gli altri i tuoi bisogni e dandoti informazioni sui servizi disponibili in questi casi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *