Come prepararsi a lasciare casa per l’università

Che tu sia uno studente fuori-sede o che tu ti stia preparando per partire in Erasmus, stai sicuramente affrontando un cambiamento molto importante per la tua vita. Allontanarti dalla tua famiglia e vivere da solo per un po’ può essere al contempo emozionante e preoccupante: da un lato avrai più libertà, più autonomia, più possibilità di divertirti, dall’altro potresti sentire nostalgia di casa, incappare in problemi che non sai come risolvere o ritrovarti a convivere con coinquilini antipatici. Non essere in imbarazzo, quindi, se provi un po’ di ansia all’idea di condividere un appartamento con altri lontano da casa: ciò che senti è del tutto normale e comprensibile!

 

Come prepararsi a lasciare casa per l’università

 

Voglio perciò offrirti qualche consiglio per prepararti al meglio a quest’esperienza che, vedrai, sarà bellissima e molto importante per la tua crescita personale:

 

  • Appiana le liti prima di partire: se sei in contrasto con i tuoi genitori per qualche motivo, cerca di ridurre la tensione e di riappacificarti con loro, se possibile, prima di fare il grande passo. Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, i malumori familiari non prevengono la nostalgia di casa… anzi! Se rimani in buoni rapporti sarà più facile salutare i tuoi con serenità e sarai sempre confortato dal fatto che sai che puoi contare su di loro.
  • Sii aperto a conoscere nuove persone: all’inizio è normale sentirsi un po’ timidi se si incontrano tutte facce mai viste, ma cerca di prendere l’iniziativa e di avvicinarti a qualcuno. Se non sai come fare, puoi magari condividere pareri e informazioni sui corsi da seguire per attaccare conversazione.
  • Non vergognarti di chiedere aiuto: sicuramente non sei l’unico che non ha mai stirato una camicia o che sa cucinare solo un piatto di pasta, o magari neanche quello. Sii pronto all’idea di imparare cose nuove: puoi chiedere aiuto a un tuo coinquilino o a un tuo amico.
  • Mantieni i tuoi hobby: la vita universitaria non deve rappresentare un completo stacco con le tue abitudini precedenti, altrimenti sentirai ancor di più la nostalgia di casa. Cerca il più possibile di continuare a fare le cose che ti piacciono, come disegnare, cucinare o leggere manga. Se sei uno sportivo e l’iscrizione all’università ti costringe a lasciare la tua carriera agonistica, considera la possibilità di iscriverti al CUS (Centro Universitario Sportivo) per continuare a dedicarti alla tua amata disciplina, oppure vai a correre o in palestra.
  • Mantieni i contatti: continua a sentire i tuoi familiari e gli amici che vivono nella tua città!
  • Divertiti… con equilibrio! L’improvvisa libertà potrebbe portarti a trasgredire le regole che i tuoi genitori ti hanno dato e ad eccedere un po’ con feste ed alcool. Aver voglia di divertirsi è più che normale alla tua età ed è giusto e sano che tu lo faccia, ma non perdere di vista né la tua salute né i tuoi obiettivi: ricorda che sei lì per studiare e che, se non passi gli esami o finisci per stare tutti i giorni a casa con la sbronza, rischierai a lungo andare di sentirti in colpa o triste e di convincerti che non sei in grado di badare a te stesso.

 

Infine, ti ricordo che hai sempre la possibilità di parlare con uno psicologo: questo è un momento della tua vita particolarmente importante e non c’è da vergognarsi se hai bisogno di un po’ di sostegno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *